Auto elettriche, ecco la nuova Toyota Mirai con fuel cell a idrogeno

Toyota ha confermato che la seconda generazione della Mirai verrà svelata nella versione destinata ad essere subito dopo prodotta a dicembre.
Com’è è noto la casa giapponese aveva presentato in anteprima la nuova vettura elettrica a celle a combustibile
(Fcev, fuel cell electric vehicle) al Motor Show di Tokyo nel 2019 in versione concept con specifiche ormai quasi definitive. Un’immagine teaser della nuova Mirai condivisa sul sito web giapponese del costruttore ha confermato che il modello definitivo sarà praticamente identico o quasi del tutto al concept esposto alla rassegna.

Cambia stile che è più convenzionale e meno eccentrico

La Mirai di prima generazione si segnalava per uno stile troppo eccentrico per una berlina di fascia alta e, in Toyota si devono essere resi conto che lo stile abbia avuto un impatto negativo sulle vendite della vettura. Con il modello di seconda generazione alla Toyota hanno, di conseguenza,decido di rimettere mano al design della vettura per realizzare un’elegante berlina a quattro porte che adesso è più lunga, molto più larga e più bassa oltre che con una forma convenzionale e accattivante.

Le misure della berlina a celle combustibili e i nuovi interni

Per entrare nei dettagli delle misure della nuova Mirai va detto che il concept e di conseguenza la vettura finale era lungo 4.973 mm, largo 1.885 mm e alto 1.468 mm, ma anche vantando un passo generoso passo di 2.918 mm. Dato che il modello di produzione rimarrà fedele al design esterno del concept, è del tutto logico presumere che gli interni seguiranno lo stesso format. E includeranno, dunque, un quadro strumenti digitale, un ampio touchscreen centrale, superfici morbide rivestite in pelle, un caricabatterie wireless per smartphone e un sistema audio JBL che dispone di 14 altoparlanti.

L’autonomia con un pieno è aumentata di circa il 30%

E veniamo alle specifiche tecniche della Mirai di seconda generazione che per il momento restano segrete, ma Toyota ha già lasciato intendere che la nuova berlina a idrogeno avrà un’autonomia superiore di circa il 30% rispetto al modello attuale, il che significa che potrebbe essere in grado di percorrere oltre 650 km con un serbatoio pieno. Dovrebbero anche migliorare le prestazioni sia in termici di dotazioni hitech disponibili di bordo, oltre che di sistemi di assistenza con particolare riferimento sia alla sicurezza, ma soprattutto alla guida autonoma che sarà di superiore livello.

Da definire ancora la capillarità dei punti di rifornimento

Naturalmente la discriminante per le vendite della nuova Mirai come di altri modelli proposti di altre costruttori d’auto come ad esempio Hyundai diventerà più capillare dell’attuale e se sarà più estesa la diffusione delle stazioni di rifornimento. Nel caso dell’Italia, come è noto, il solo punto di rifornimento ad oggi operativo si trova a Bolzano. Il lancio nel nostro Paese della nuova Toyota Mirai previsto nel corso del 2021 potrebbe rimettere in moto iniziative per offrire un’alternativa molto più pratica per i potenziali acquirenti della vettura giapponese che vedrebbero così soddisfatte la principale delle loro necessità.

Fonte: Il Sole 24 Ore